Jack went Thai, cocktail con Whiskey Cocco, peperone e spezie Thai green

15 min

Jack went Thai è un’altra delle ricette che abbiamo sviluppato in collaborazione con Jack Daniel’s.

Nel cocktail ho deciso di esplorare un abbinamento insolito: cocco e peperone verde.

L’idea di combinare la dolcezza cremosa del cocco con la freschezza croccante del peperone verde potrebbe sembrare audace, ma spesso l’incontro di sapori inaspettati può dare ottimi risultati.

Come avrai intuito la base alcolica è ovviamente un whiskey di casa Jack Daniel’s. Ho scelto il classico Old n°7, un’icona nel panorama dei distillati.

Prodotto con maestria nel cuore del Tennessee, questo whiskey è caratterizzato da un profilo aromatico che unisce note di vaniglia, caramello e legno tostato, accompagnate da sentori fruttati.

Si distingue per la sua morbidezza, che deriva dal processo di filtrazione attraverso uno strato di 3 metri di carboni attivi di acero. L’invecchiamento avviene poi in botti costruite nella distilleria stessa. 

Un prodotto da non sottovalutare, che dà grande soddisfazione in miscelazione offrendo una base perfetta per la creazione di cocktail.

La linea di whiskey Jack Daniel’s non si limita al classico Old n°7, ma offre diversi prodotti interessanti sia per la degustazione che per la miscelazione come ad esempio il Tennessee Rye, Triple Mesh, Single Barrel, Gentleman Jack e altri.

Se ti piace il whiskey americano dai un’occhiata alla masterclass di Francesco Spenuso che ci ha presentato due eccezionali release di Jack Daniel’s.

Base alcolica a parte, come accennavo ho deciso di combinare il gusto dolce ed esotico della crema di cocco con la freschezza vegetale del peperone verde, dal quale ho ricavato il succo con un estrattore, aggiungendo una piccola quantità di acido ascorbico per rallentare l’ossidazione e l’imbrunimento enzimatico.

Ho poi arricchito il sapore con una miscela di spezie conosciuta come Thai Green, molto utilizzata nella cucina asiatica.

Le spezie comunemente utilizzate nel blend sono: lemongrass, coriandolo, curcuma, zenzero, cumino e cardamomo, ma possono variare in base alla zona e al produttore stesso.

Le spezie Thai green donano al cocktail note leggermente piccanti, balsamiche, con una sfumatura vagamente umami: i sapori tipici dei cibi e delle zuppe asiatiche, che uniscono gusti agro-dolci con erbe e spezie.

Questo blend infatti si sposa magnificamente con il cocco e il peperone. Ti incoraggio a provarlo e a personalizzarlo secondo le tue preferenze, aggiungendo ingredienti o modificando le proporzioni a tua scelta.

Ecco qualche esempio: per un tocco piccante, aggiungi zenzero essiccato; cumino per una nota più umami; oppure, per un tocco di balsamicità aggiuntiva, aumenta il cardamomo verde.

Se desideri invece un sapore balsamico con un accenno affumicato, l’aggiunta di cardamomo nero potrebbe essere l’opzione ideale. Tuttavia tieni a mente che piccole variazioni nelle quantità di spezie avranno un minimo impatto sul cocktail finale.

Come tocco finale ho scelto di aggiungere una piccola quantità di succo di Aloe. Mi piace usare questo ingrediente perché conferisce una nota amarognola e fresca che in questo caso completa in modo perfetto il cocktail.

Dopo aver fatto alcuni test con la ricetta, ho deciso di procedere con la chiarificazione usando la tecnica del Milk Washing, trasformando inevitabilmente il cocktail in un prebatch. 

Grazie a questo passaggio il cocktail mantiene una buona complessità aromatica, ma diventa anche più delicato, elegante ed esteticamente piacevole. In perfetta linea con i trend attuali e con ciò che avevo in mente.

La scelta del nome “Jack went Thai” riflette l’ispirazione e l’inclusione di alcuni elementi classici della cucina thailandese come il cocco e la tipica miscela di spezie.

Ora vediamo la ricetta e la preparazione di Jack went Thai.

Ricetta Jack went Thai

Strumentazione

  • Tumbler basso da circa 360 ml
  • Mixing glass raffreddato
  • Paletta per il ghiaccio
  • Jigger
  • Bar spoon 
  • Strainer
  • Pinzetta

Come fare il Jack went Thai

  1. Versa il pre miscelato nel mixing glass con la giusta quantità di ghiaccio;
  2. Mescola per raffreddare e diluire correttamente il cocktail;
  3. Filtra con lo strainer nel bicchiere di servizio con il chunk di ghiaccio;
  4. Spargi una piccola quantità di spezie Thai green sul cracker;
  5. Posa la decorazione sul bordo del bicchiere.

Jack went Thai è pronto.

Bicchiere e Decorazione

Il cocktail viene servito in un tumbler basso con un chunk (o sfera) di ghiaccio che manterrà il cocktail fresco senza apportare troppa diluizione.

Tuttavia, se preferisci un cocktail finale ancora meno diluito, puoi optare per il servizio in una coppetta da circa 150 ml tipo Nick&Nora (ben raffreddata ovviamente).

Come decorazione, ho preparato una Tuile al tè matcha sulla quale ho messo un pizzico di spezie thai green.

Se non hai la possibilità di preparare la sfoglia puoi optare per una crusta di spezie thai green combinate con un po’ di tè matcha. In questo caso assicurati che la crusta sia veramente sottile.

Tenore Alcolico

Utilizzando il nostro calcolatore che trovi sul sito risulta che Jack went Thai, in seguito alla diluizione data dalla tecnica stir, ha un tenore alcolico del 14 % vol. circa

I grammi che verranno assunti dal corpo in seguito alla bevuta sono di poco sotto ai 16 g mentre la percezione alcolica sarà di un cocktail mediamente alcolico.

Quando bere il drink e a che cliente è rivolto

Jack went Thai piacerà a chi ama provare abbinamenti e sapori non banali ma senza esagerare. Puoi consigliare il cocktail anche come aperitivo non troppo dry o in abbinamento a cibi agrodolci.

Vediamo ora le preparazioni Home Made necessarie per preparare il Cocktail

Prebatch Jack went Thai

Con le dosi indicate otterrai un quantitativo per preparare una decina di drink.

Ricetta Prebatch Jack went Thai 

  • 150 ml Crema di Cocco (es: Naty’s)
  • 65 ml Succo di Peperone Verde
  • 430 ml Jack Daniel’s Old n°7
  • 130 ml Succo fresco di Lime
  • 45 ml Succo di Aloe
  • 1 Teaspoon Thai Green Spices
  • 85 ml Latte Parzialmente scremato

Strumentazione

  • Estrattore
  • Caraffe graduate
  • Jigger
  • Bar spoon 
  • Measuring spoon
  • 2 Pentolini
  • Termometro
  • Fornello o piastra ad induzione
  • Flitri Mesh (da 200, 300, 400)
  • Imbuto
  • Filtro carta da caffè

Come fare Prebatch Jack went Thai 

  1. Per prima cosa dovrai ottenere il succo di peperone verde con l’estrattore. Se l’hai a disposizione aggiungi una piccola quantità di acido ascorbico (circa lo 0,01% sul totale) per prevenire l’imbrunimento enzimatico;
  2. Se necessario scalda leggermente la crema di cocco per renderla liquida e poterla dosare facilmente;
  3. Unisci tutti gli ingredienti in un contenitore;
  4. Lascia riposare per circa un ora a T° ambiente mescolando di tanto in tanto per favorire l’aromatizzazione;
  5. Filtra tutto con i filtri mesh in 3 passaggi: 1 con filtro a 200 Mesh, 1 passaggio con filtro a 300 mesh e infine con 400 Mesh. Aiutati con un bar spoon se vedi che la filtrazione procede troppo lentamente;
  6. Dopo la filtrazione versa il liquido in un pentolino e scalda tutto (a fiamma molto bassa) fino a circa 38-40 °C (non oltre);
  7. In un’altro pentolino versa il latte e portalo, con fiamma molto bassa a circa 38-40°C (non oltre), poi spegni la fiamma;
  8. Quando il latte avrà raggiunto la temperatura versa velocemente il cocktail nel pentolino dove c’è il latte (e non viceversa);
  9. Ora mescola delicatamente per qualche secondo poi lascia riposare per circa 40-50 minuti;
  10. A questo punto dovrai filtrare il tutto per ottenere un prodotto chiarificato. Se hai a disposizione una centrifuga (es: Spinzall o centrifuga da laboratorio) utilizzala per ottenere un prodotto più limpido. In caso contrario dovrai filtrare il tutto con filtro carta. Armati di pazienza perchè sarà un processo un po’ lungo, puoi velocizzarlo suddividendo il liquido in più filtri. Se noti che il liquido rimane molto torbido, ri-versalo nuovamente sugli stessi filtri e attendi finché il prodotto non sarà completamente filtrato.

Il pre batch è pronto, conservalo in frigorifero e utilizzalo nel minor tempo possibile.

3 tuile verdi dalla forma alveolata

Tuile al tè matcha e spezie Thai green

Queste tuile possono essere ottenute in diversi modi con ingredienti diversi. Con il metodo che ti suggerisco potrai prepararle in modo molto semplice, ma ti servirà uno stampo in silicone apposito.

In commercio ne esistono di diverse tipologie e dimensioni. Puoi trovarli sui siti di shopping più conosciuti oppure dai rivenditori specializzati. Ricorda che per la presenza di albume non sono indicate per vegani.

Stampi in silicone per tuile
Stampi in silicone per tuile

Ricetta Sfoglia croccante al tè Matcha

  • 70 g Olio vegetale 
  • 75 g Albumi d’uovo
  • 70 g Farina 00  
  • q.b. Sale
  • Tè Matcha e Spezie Thai green (a piacere)
  • Colorante verde liposolubile (ad uso alimentare) 

Strumentazione

  • Ciotola
  • Bilancia
  • Frusta (o cucchiaio)
  • Spatola per dolci
  • Forno ventilato
  • Stampo in silicone apposito

Come fare la sfoglia croccante al tè Matcha

  1. Preriscalda il forno ad una temperatura di circa 100-130 °C;
  2. Versa tutti gli ingredienti all’interno di una ciotola e amalgama bene aiutandoti con una frusta o un cucchiaio;
  3. Riempi lo stampo in silicone stendi il composto con una spatola apposita;
  4. Pulisci le parti esterne dello stampo da eventuali residui;
  5. Metti in forno per qualche minuto;
  6. Togli dal forno, separa lo stampo e appoggia le tuile su della carta che assorbirà l’olio in eccesso, se necessario tampona delicatamente entrambi i lati con della carta assorbente;
  7. Quando la tuile sarà asciutta (10-20 minuti) mettila di nuovo in forno a temperatura bassa per qualche minuto e infine trasferisci in un contenitore a chiusura ermetica separando le tuile con carta assorbente.

Consigli

Seguendo la ricetta otterrai una tuile abbastanza croccante che, se ben conservata, manterrà le sue caratteristiche per diversi giorni.

Abbi cura di conservarla al riparo dall’umidità e utilizzarla nel giro di pochi giorni.

Le tempistiche di permanenza in forno dipendono molto dal tipo di forno utilizzato. Se vedi che non si seccano alla perfezione, aumenta i tempi o la temperatura, ma fai attenzione a non bruciarle.

Se vuoi un sapore di tè matcha più intenso puoi spolverarne un po’ sulla superficie della tuile anzichè metterlo all’interno dell’impasto.

Per quanto riguarda il Jack went Thai e le sue preparazioni è tutto.

Buona miscelazione e buone preparazioni,
Matteo

Autore

  • Matteo Squassoni

    Sono un bartender e nel corso degli anni ho maturato esperienze in diverse tipologie di locali ricoprendo ruoli operativi e organizzativi. Oltre al lavoro dietro al bancone, metto a disposizione la mia esperienza, svolgendo attività di collaborazioni e consulenze in questo settore rimanendo fedele al mio motto: “semplice ed efficace”. Durante il tempo libero viaggio e scatto foto. Fiero e orgoglioso di essere entrato a far parte del team Cocktail Engineering dal 2021.

Sapore

speziato, acidulo, vegetale, morbido

Ingredienti
  • • 85-90 ml Pre Batch Jack went Thai
  • • Chunk di Ghiaccio
  • • Tuile al tè matcha e spezie Thai green
Strumenti
  • • Tumbler basso da circa 360 ml
  • • Chunk di ghiaccio
  • • Mixing glass raffreddato
  • • Paletta per il ghiaccio
  • • Jigger
  • • Bar spoon 
  • • Strainer
  • • Pinzetta

Abbiamo parlato di

Powered By MemberPress WooCommerce Plus Integration

Invite & Earn

X
Signup to start sharing your link
Signup

Available Coupon

X
error: ATTENZIONE: Tutti i contenuti del sito sono protetti da copyright ©